venerdì 13 novembre 2009

Questo post dimostra in maniera inequivocabile che non sono Adriano Galliani.

Io lo capisco che le persone lo fanno in buonafede, ci mancherebbe. Lo capisco. Ed infatti quando mi viene detto, sorrido e dico "grazie". Ma detto tre me e te: ma che augurio è "buon lavoro"? Sarebbe come dire "buona fucilazione" al tale con le spalle al muro e la benda sugli occhi. Voglio dire: il lavoro non è mai "buono", a meno che uno non sia Totti o Del Piero o Vasco Rossi. Il lavoro è utile, ma non "buono". E' importante se si vuol avere una vita ai limiti della legalità, ma "buono" proprio no, dai. D'altra parte anche Nostro Signore© a suo tempo è stato esplicito: tu lavorerai con sudore, ha detto ad Adamo, che lo aveva fatto incazzare non poco con quella storia della mela. Capisci? "Lavorerai" gli ha detto. Non "tu vincerai al superenalotto con sudore" o "tu andrai in vacanza con sudore". Qualcosa vorrà pur dire, cazzo.

Per cui, ecco, io apprezzo l'intenzione, ma non trovo che "buon lavoro" sia il migliore degli auguri che uno possa fare al suo prossimo. Certo: non è bello neanche sentirsi dire una cosa tipo: mi auguro che tu sia il prossimo morto sul lavoro in Italia, ma credo che quando qualcuno ti dice: "vado a lavorare", un semplice "ciao", sia la cosa migliore da dire.

Poi fai un po' come credi: io scrivo cazzate, mica insegno il galateo.

10 commenti:

  1. Solo il Nostro Signore© vale ben da solo un premio, per non parlare di tutto il resto del post. Che mi piace asssssai, ma assssai, ma assaissimo. Però è triste, eh, anche se c'ho ancora la risata qui in fior di labbra :-D (ms)

    RispondiElimina
  2. sottoscrivo in pieno post e commento. rido con le lacrime. o forse piango con le risate

    RispondiElimina
  3. Non sarà forse che il lavoro può sempre essere... "peggio"? :-)

    RispondiElimina
  4. Qui in brianSa il lavuràa è intoccabile! E si dice spesso e volentieri "buon lavoro"...io dico "buona giornata", che magari becco insulti più fantasiosi.

    RispondiElimina
  5. dopodimeilnulla14 novembre 2009 08:39

    ....questo dimostra inequivocabilmente ke te proprio buon nu stai......^_^
    io ti trovo assolutamente geniale,spettacolare.....riesci a parlare delle cose più strambe....e quasi ogni volta mi convinci ke hai ragione tu.....
    buon lavoro evaso....^__^

    RispondiElimina
  6. ...quando qualcuno festeggia compleanno, anniversario, onomastico, separazione, promozione etc il lavoro è buono... ^___^

    RispondiElimina
  7. Quando dopo anni trovi finalmente un lavoro fisso (anche solo un lavoro E BASTA) credimi che sono le parole più belle del mondo! :D

    RispondiElimina
  8. ommiodddiooooooooooooooooo!!!!! il copyright sul nostro Signore mi ha fatto ammazzare dalle risate!!! le lacrime copiose mi hanno impedito di finire di leggere il posttttt!! uuuuuuuahahahahahahahahahaha SEI UN MITOOOOOOOOOOOOOOOOOOO! baci su baci e... buon lavoro per domani! Nora

    RispondiElimina
  9. ahahahaahha.. vero... quel copyright lì è favoloso...
    per il resto, condivido in pieno, e aggiungerei una perplessità che un mio amico anni addietro avanzò sulla bibbia: ma se adamo ed eva, dopo essere stati cacciati e minacciati di lavorare e soffrire, hanno messo alla luce caino e abele e dopo che caino ha assassinato abele... con chi cazzo ha procreato caino?!

    RispondiElimina
  10. @Missspoah: ti ringrazio. Ero indeciso se mettere il copyright o il trademark. Ma il copyright l'ho trovato più appropriato, diciamo :-)

    @Dantès: anch'io spesso rido con le lacrime e non so mai bene se in effetti, sto ridendo o sto piangendo. E neanche me lo domando, ti dirò...

    @LuceNera: è tutto relativo: se sei Totti può essere soltanto peggio, se invece sei uno che mette l'asfalto sulle strade, hai buone possibilità che sia migliore. Einstein insegna :-)

    @CharlieB.: "buona giornata" lo trovo un ottimo augurio, invece. Che uno la giornata la può anche passare a spasso, per dire.

    @Dopodimeilnulla: ma sai che in effetti, parlo spesso di cose strambe? Azz...credo sia inevitabile però, se hai un blog. Che se hai un blog, di che parli? Qualcosa ti devi inventare, per riempirlo. Che tu potrai dirmi: "ma anche no. Non scrivi niente e non trituri le palle." Hai ragione. Vado a meditare.

    @No.snob: è vero. Ma quello non lo considero un lavoro. O almeno non proprio, diciamo :-)

    @Fayaway: lo credo. Forse quello che ho scritto vale solo dopo i trent'anni. Di lavoro, intendo. E soprattutto vale se pensi che ce ne sono altri dieci che ti aspettano. A qualcuno piacendo, beninteso.

    @Noraa: grazie, grazie. Sbaciucchio anch'io e il "buon lavoro" per domani non lo prendo, che non mi serve. Lo prendo per stanotte, che magari mi torna più utile :-)

    @Arance: è quello che mi sono sempre domandato anch'io, che secondo me, su quel libro là mica ce la raccontano giusta, sai. Che io l'ho letto quel libro, credimi, ma non so, non mi ha convinto granchè. Avrei da dire anche due cose sull'autore, ma mi astengo :-)

    RispondiElimina