domenica 8 novembre 2009

Ti spiace mica, vero, se fra le tante puttanate sentite a proposito del crocifisso, ci metto anche la mia?

Sta cosa che ciclicamente ritorna e che, personalmente, mi interessa come l'ultimo libro di Bruno Vespa. Tuttavia, anche se non interessato, ti massacrano così tanto le palle che in qualche modo ne sei coinvolto e dunque ti viene da ascoltare o leggere dichiarazioni scandalizzate da parte di persone che probabilmente la mattina recitano il rosario e la sera si inculano i travestiti dopo aver pippato una striscia di coca (due cose, queste, che trovo decisamente legittime, se lo si desidera e che comunque sono sicuramente più dignitose che fingersi un buon cristiano) e dopo essersi fatti fotografare, prima delle elezioni, insieme alla moglie che rammenda i calzini, accanto al caminetto, coi figli che giocano sullo sfondo. E fra queste dichiarazioni mi ha colpito quella della Gelmini. Questa donna che è pure una bella donna, ma che non perde mai l'occasione di dire cose altamente significative. Tipo: il crocifisso va lasciato perchè rappresenta le nostre tradizioni. Dichiarazione legittima, se lo si crede. Solo che allora, se si parla di tradizioni, perchè accanto al crocifisso non si appende anche una pizza?


durante la vergatura di questo post la mia mano era guidata da Satana, per cui se necessario, impugnerò questa argomentazione (per altro validissima) qualora mi dovessi discolpare in un tribunale ecclesiastico.

11 commenti:

  1. bella donna? ahem... vabbè. per il resto, sottoscrivo

    RispondiElimina
  2. Ecco, Dantès mi ha tolto le parole di bocca ahahahahaahahahahahah io anzi avrei detto... donna?

    :)

    RispondiElimina
  3. dopodimeilnulla9 novembre 2009 09:12

    cu tutt e guai k t'nimm,il problema neanke me lo pongo........vicino alla pizza ci metterei pure un bel biglietto di 100 euro...ke nn fara' parte della tradizione....ma è il dio ke comanda il mondo......ke dici sembro un tantino materiale!!!!!!!tanto da noi sai come si dice...senza soldi nn si cantano messe......quindi in qualke modo restiamo in tema....e son sicura ke nessuna altra cultura sarebbe offesa.

    RispondiElimina
  4. Io trovo che la cosa grave sia proprio quella di parlare del crocifisso come di una cosa propria delle tradizioni.
    Se fossi una cristiana credente e praticante, mi sentirei altamente offesa da questa affermazione che svilisce in modo categorico la mia religione relegandomi a tradizionalista.
    Ma essendo io atea e spesso eretica ne posso parlare in modo distaccato ed insolente.
    Tutto questo per dire che con questa storia nella quale tutti attaccano tutti, come sempre del resto, ci hanno rotto le palle.
    Ecco.

    RispondiElimina
  5. La tradizione al martirio e alla "martirizzazione", tenere uno appeso in mutande coi chiodi conficcati in mani e piedi ed una corona di spine. Davvero, non sanno quello che dicono e Satana va in giro con l'aureola. (ms)

    RispondiElimina
  6. nella scuola in cui lavoro molte aule erano senza crocefisso (mica per ideologia ma capita che si rompano, si spostino e via dicendo)comunque nessuno aveva richiesto di rimetterli (e quindi ricomprarli)...ora sembra una questione fondamentale..chissà dove era la fede prima ..chissà dove è adesso

    RispondiElimina
  7. (ma la scuola non dovrebbe essere laica?)

    RispondiElimina
  8. Uh bella la pizza che poi cola tutta la mozzarella e ti ci vedo, marmocchio, làssotto con la lingua fuori, ad aspettar che coli fino a te!

    RispondiElimina
  9. quello che non capisco è il perchè si debba confondere la libertà (in ogni senso) con la rincorsa alla spersonalizzazione. non so se ho usato le parole giuste, ma penso che a furia di non credere, non identificarsi, non schierarsi, tollerare, accettare... cosa cazzo rimaniamo? posso essere contenta di essere come sono, credere in quello che credo e vivere la vita che vivo? perchè devo spogliarmi di tutto per non far sentire il prossimo mio a "disagio". ma fanculo! (al prossimo mio, mica a te!) smackssss Nora

    RispondiElimina
  10. @Dantès: oh, a me con quegli occhialetti e quel ciuffo alla tirabusciò, mica dispiace. Dici che son troppo di bocca buona?

    @Ladoratrice: confermo che invece a me non disgarba. Ti piace "disgarba"? O dici, meglio "attizza"? Lo trovo ormai obsoleto però, "attizza". Ti piace "obsoleto"? Lo trovo più pertinace di "vecchio". E di "pertinace" che mi dici?

    @Dopodimeilnulla: trovo che i cento euro appesi, non sarebbero una cattiva idea. Vuoi vedere che sarebbero quelli che riescono a mettere d'accordo una volta per tutte, cristiani, musulmani, ebrei, induisti, testimoni di Geova e gli altri che credono in uno dei sedicimila profeti esistenti? "Esistenti" è un termine forte, in certi casi lo so, ma non mi veniva altro, al momento.

    @Amore_immaginato: confermo, sottoscrivo ed approvo in toto. Che tanto noi a scuola mica ci andiamo più, per cui che facciano quel che più gli aggrada. Volevo scrivere "il cazzo che gli pare", ma mi sembrava, visto l'argomento, troppo esplicito.

    @Misspoah: ma sai che invece, secondo me, lo sanno eccome quello che dicono? Forse sono altri che non lo sanno. O fanno finta di non saperlo, che magari fa comodo avere lì uno da incolpare quando le cose non vanno bene.

    @Morganael: ogni tanto sta cosa rispunta: arriva qualcuno e dice che il crocifisso non va bene. Allora arrivano quelli che si incazzano e litigano. Secondo me, sono le trasmissioni televisive che si inventano tutto, per fare audience con programmi demenziali. Che io mica ci posso credere che c'è davvero chi si accapiglia per queste cose.

    @Simolucida: dovrebbe esserlo anche lo Stato. Almeno così ci è sempre stato detto. Non oso immaginare se invece non lo fosse, laico. Altro che burqa....

    @CharlieB.: sarei uno dei più devoti, credo :-)

    @Noraa: vero. Ma io mica mi spoglio di niente, per dire. Io credo (o non credo) e stop. Sono cresciuto con una nonna integralista cattolica, ma nonostante questo, ho maturato convinzioni mie, nel corso degli anni. Magari errate, ci mancherebbe, ma l'ho fatto non per far dispetto a qualcuno, figurati, solo perchè quello che mi è sempre stato detto non l'ho mai trovato granchè veritiero, ecco. Ma ripeto: sono impressioni mie. Mai mi sognerei di dire a chi crede, che fa male o che è sbagliato.

    RispondiElimina
  11. Nella scuola mancano i più elementari strumenti di lavoro per non dire del superfluo come un rotolo di carta igienica...si può avere una birra con la pizza? o un bicchiere di chianti che fa più tradizione?
    Anna

    RispondiElimina