martedì 5 gennaio 2010

Anno nuovo, vita nuova. Che se uno non lo sa, pare vero.

Ecco qua il 2010. E che sarà mai? Cosa avrà di così diverso dal 2009 e dal 2008? Non lo so, io. Che quando è arrivato pareva che fosse arrivato chissà chi: botti, saette, lampi, tuoni, tricchetracche, frizzi, lazzi, cazzi e mazzi. E che è? Che io, mica son pratico di queste cose. Dice: ho preso la testata di Zidane. Che io, te l'ho detto, mica son pratico. E infatti ho pensato: la testata di Zidane? Ma mica è Materazzi, questo qui. Che io Materazzi lo so com'è fatto: Materazzi è uno alto, tutto tatuato, che c'ha la faccia da bravo ragazzo, ma che quando gioca, la faccia gli rimane quella, solo che lui si trasforma in qualcosa di non umano e comincia a malmenare tutti quelli che transitano nei suoi paraggi e che hanno la maglietta diversa dalla sua.

E quello che mi ha detto di aver preso la testata di Zidane, non era Materazzi.

Poi ho scoperto che la testata di Zidane, era il padre di tutti i petardi. Un po' quello che era, qualche anno fa, la bomba di Maradona, per capirsi.

Che a me i petardi fanno anche un po' paura. Che tutti gli anni, al tg del primo giorno dell'anno, si vede sempre l'immagine di un tale che ha la mano fasciata, perchè gli è esploso qualcosa vicino. Che io infatti son sempre curioso di sapere, quando guardo il tg del primo dell'anno, in quale città è avvenuto l'incidente più grave dovuto ai petardi. E se c'è qualcuno con me, faccio anche le scommesse. Tipo che io dico: scommettiamo che il primo che fanno vedere con la mano fasciata, è di Frosinone? Ma posso dire anche Torino, o Genova, per dire. Qualche anno fa, ad esempio, ho beccato Bari. Ed ho vinto una pizza. Son soddisfazioni.

E insomma. Vediamo un po' che avrà da dire sto 2010. Mah. Che poi, la gente fa i bilanci. Ma che bilanci vuoi fare? A meno che uno non abbia vinto centosettanta miliardi di euro, o la sua famiglia non sia stata spazzata via da uno tsunami, che c'è da bilanciare? Che può essere successo, nell'anno appena trascorso, che vale la pena di essere ricordato in un bilancio? Un parcheggio non trovato? Il latte dimenticato? Le chiacchiere sul pianerottolo? Le cazzate scritte in un blog?

Oh, comunque la testata di Zidane, fa un botto che se non te lo aspetti, ti viene un infarto.

E tutti che ridevano. Che io devo ancora capire il perchè di quando tutti ridono, io divento triste. Ma che ne so, io. Mica mi son fatto da solo.

E comunque quest'anno la città non l'ho beccata. Avevo detto Pesaro&Urbino, specificando però, che era Urbino, più di Pesaro.

Che io le previsioni le faccio seriamente. Mica come quel cialtrone di Nostradamus, che diceva due cazzate, senza date e senza nomi e lo si è fatto diventare un mago. Ma per favore.

5 commenti:

  1. Posso farlo io un bilancio del 2009? Eh? Posso? Un gigantesco schifo! Ecco vedi? l'ho detto e già sto meglio. Due incidenti e due auto distrutte, altro che la testata di Zidane! E non era neppure colpa mia! Andrà meglio nel 2010 vero? Dimmelo, su dimmelo!!!!

    RispondiElimina
  2. Ordunque, due dubbi che mi devi fugare assolutamente: 1) ti sei trasformato in rana? Perchè dico, mica è roba da poco, leggere il blog scritto da una rana; 2) in quale città è avvenuto il moncherino da botto più funesto?

    RispondiElimina
  3. dopodimeilnulla7 gennaio 2010 11:09

    ......a me nn è cambiata una virgola........
    e nulla cambiera a meno ke nn vinca il superenalotto.....
    ecco....come vedi cinica e materialista come il 2009,il 2008 ecc.ecc.
    ps...e stamani pure incazzata nera......

    RispondiElimina
  4. dopodimeilnulla9 gennaio 2010 07:50

    .....tutto tace......^__^

    RispondiElimina
  5. @LuceNera: andrà meglissimo. E se lo dico io, buona camicia a tutti :-)

    @CharlieB.: si, sono sempre una rana. Torno umano nel 2011. La città, mi sembra, sia stata Catania. Ma non è stato un botto: un tale è stato colpito da una pallottola vagante in testa. Solo che non è morto. La pallottola si è fermata da qualche parte in testa e non ha fatto troppo danno. Lui (il tale), quando lo intervistavano al tg, ringraziava la Madonna. Io, già che c'ero, avrei mandato anche affanculo chi ha sparato.

    @Dopodimeilnulla: Ci sono, ci sono. Ti è passata l'incazzatura? :-)

    RispondiElimina