lunedì 2 maggio 2011

Storie di paese.

Con l'avvento della bella stagione, il minuscolo giardino pubblico di fronte alla mia cucina, si riempie di mamme coi passeggini, di bambini che si menano e giocano a pallone e di anziani che si incazzano come scimmie perchè i maledetti pischelli li prendono a pallonate, più o meno volontariamente.

Una delle frasi tipiche dell'anziano, quando viene anche solo sfiorato da un pallone che gli sibila a 200 km all'ora vicino all'orecchio è: ora vi prendo questo pallone e lo taglio con le forbici. Che non si è mai capito se l'anziano esce di casa con un paio di forbici in tasca, o se sottintende che prima lo porta a casa e poi lo taglia. Al pronunciamento di questa frase, il maledetto pischello ha diverse reazioni possibili, dovute anche ad una certa educazione ricevuta, o semplicemente dettate dall'istinto pischellesco.

Devi sapere che il maledetto pischello non ha paura di niente, ma non per coraggio insito nella sua natura: semplicemente perchè non capisce. Non capisce che se lui all'anziano gli dice: che cazzo vuoi, vecchiaccio merdoso, l'anziano magari si altera un tantino e si alza dalla panchina con l'intenzione di scotennarlo. Lascia stare che poi il maledetto inizia a correre e per l'anziano è la fine di un sogno (quello di scotennare il maledetto pischello, appunto), visto che per quanto sia la sua rabbia, non lo potrà mai acchiappare.

A questo punto l'anziano ha due opzioni disponibili: o far finta di niente e tornare a sedersi sulla panchina, oppure andare a casa del maledetto pischello e raccontare ai genitori di quest'ultimo cosa è avvenuto e quali sono le esatte parole uscite dalla boccuccia di rosa del tenero virgulto.

In genere è l'opzione numero due la prescelta, in quanto l'anziano è vendicativo e auspica quella che lui ritiene la giusta punizione, che lui non è riuscito ad infliggere.

A questo punto i genitori del maledetto si scusano con l'anziano e promettono che al rientro a casa del selvaggio minorenne "gli faranno passar la voglia di dire certe cose".

Quando il pischello della malora rientra, avviene più o meno questo dialogo:

-che gli hai detto a Cesare?

-Niente.

-Come sarebbe a dire "niente"? E' venuto qui arrabbiato come un caimano, dicendo che lo hai offeso.

-Voleva tagliarci il pallone.

-Non è un buon motivo per offenderlo. (questo lo dice la madre).

-Aspetta un momento: il pallone costa trentacinque euro. (questo lo dice il padre, che probabilmente lo ha pagato).

-E che significa? Le persone non si devono offendere. (inutile dire: le mamme sono più civili e sagge. E soprattutto se ne fregano dei palloni di cuoio della Nike, che tra l'altro, sono cuciti a mano dai bambini laotiani che vengono pagati un euro al giorno per un totale di diciotto ore lavorative. Ma questo è un altro discorso).

Insomma, per farla breve (si fa per dire), il maledetto pischello se la cava con:

-una ramanzina di venti minuti, incentrata sull'educazione e sul comportamento da tenere con le persone in generale.

-La proibizione di uscire i prossimi tre giorni, se non per andare a scuola.

-La decurtazione totale della paghetta settimanale.

Al suo rientro in casa, egli dice a bassa voce: vecchio di merda, la prossima volta lo prendo in pieno.

Dice questo a bassa voce, ma non troppo, in quanto il padre lo sente e gli ammolla uno schiaffazzo nella nuca. Il pischello piange e sbatte la porta.

Fine.


Personaggi ed interpreti:

-Il maledetto pischello.

-Cesare.

-La mamma del maledetto pischello.

-Il babbo del maledetto pischello.

-Il pallone di cuoio della Nike.

-I bambini laotiani.

-Le presunte forbici.

-Io.

10 commenti:

  1. Io una volta, un vecchio che ha tagliato un pallone, l'ho visto. Era il mio, era bucato e, soprattutto, era un Supertele.

    RispondiElimina
  2. non vedo l'ora di diventare vecchia; perchè già ora andrei dai genitori, visto che non ho prestanza atletica, e farei la spia. solo che quelli mi guarderebbero con sufficienza, e, se coraggiosi, mi direbbero: ma non potevi dirglelo tu (ché a 42 anni non posso pretendere che mi diano il Lei), o dargli un coppino direttamente?! see, un coppino... ma mi vedi tu a correre dietro a un ragazzino, col mal di schiena e le ginocchia che mi ritrovo?

    RispondiElimina
  3. Ciao, sono Giuseppe, autore del blog cervelliamo http://cervelliamo.blogspot.com
    Effettuando ricerche in rete ho notato il tuo blog e volevo chiederti se vuoi collaborare scrivendo articoli anche su cervelliamo.
    Ci sono tante categorie su cui orientarsi e si può scrivere su uno o più argomenti.
    Facciamo una media di 3000 pagine viste al giorno e, man, mano, andiamo a crescere.
    Potrai utilizzare Cervelliamo come secondo blog, divulgare informazione con l'opportunità di guadagnarci su con il sistema adsense di google, facile, meritocratico e sicuro.
    Siamo presenti nei maggiori network della rete, siamo su google news, la fan page su facebook con più di 1550 persone, quello quello che scrivi, sarà letto sicuramente da qualcuno.
    Se ti piace l'iniziativa, conoscere il team, migliorare insieme, non esitare a contattarmi, sia per email o direttamente su facebook al mio indirizzo personale.
    http://www.facebook.com/cervelliam0
    Ti aspetto!

    RispondiElimina
  4. Quando ero giovane e atletica, giocavo a pallavolo sulla spiaggia e ogni 3x2 (come le offerte speciali) ci volevano bucare il pallone.
    Noi chiedevamo scusa e ricominciavamo a giocare.
    Perchè reiteravamo con costanza maniacale, ma non ci siamo mai permessi d'insultare chicchessia.
    Altri tempi forse, c'era più rispetto forse o, forse, eravamo meno viziati.
    Il pallone era un mikasa, e costava già allora qualcosa come quarantacinquemilalire!
    Magari non erano fatti dai bambini giapponesi, ma non dubito che fossero di pelle umana!

    RispondiElimina
  5. A casa mia i palloni venivano puntualmente bucati dalle spine delle rose... ^_____^ no.snob

    RispondiElimina
  6. anzi, mannaggia...

    -La bella stagione.

    Ecco, ora va meglio :-))

    RispondiElimina
  7. Io a Cesare regalerei un machete tascabile. Dici che gli svizzeri non se li sono ancora inventati? Neanche un inceneritore portatile? Con tutto il rispetto d'uopo per il bambini laotiani.

    RispondiElimina
  8. ecco a me rimane un dubbio tremendo: ma la fascia d'età a cui appartiene "l'anziano" Cesare quale è?
    scoont

    P.S. in un sms arrivato da Pisa c'è scritto che il tuo post fa scompisciare... :)

    RispondiElimina
  9. @Pesa: a me ne hanno tagliati millemila. Un vecchio che passava le giornate a guardar fuori dalla finestra, se qualche pallone faceva irruzione nel suo giardino. E se capitava, era la fine. Del pallone. L'ultimo che mi ha fatto fuori, un Super Santos arancione e nero. Maledetto vecchio della malora. Poi è morto. Ma io avevo già smesso di giocare a pallone nei pressi del suo giardino.

    @Simo: io invece spero sempre che qualche pischello mi chieda se voglio giocare con loro, ma non lo fanno mai. Forse mi giudicano troppo vecchio. Maledetti giovinastri.

    @Giuseppe: ti ringrazio, ma non credo sia una cosa che faccia per me. Scrivo solo su questo blog, quando ne ho voglia e spesso sono cazzate. E credo che la gente ne senta e ne legga già troppe di cazzate, per poter sopportare anche le mie. Grazie comunque.

    @Amore_immaginato: azz, il pallone Mikasa era famoso. Lo ricordo bene. Esclusivamente da pallavolo, quando lo prendevi sui polsi mica era simpatico. Io a pallavolo sono sempre stato una pippa. Ed anche a calcio, se tanto mi da tanto. :-)

    @No snob: le spine delle rose erano pericolose, in effetti. E dove non riuscivano loro, ci pensava il vecchio con le forbici. ^____^

    @Miss: la bella stagione coincide spesso con la morte dei palloni. :-)

    @CharlieB.: l'inceneritore portatile mi senbra una buona idea. Mi sembra strano che ancora i giapponesi non ci abbiano pensato.

    @Scoontrosa: l'anziano Cesare veleggia verso i novanta, per quanto arzillo. Direi che ancora ho ampi margini. Ringrazia Pisa da parte mia. :-)

    RispondiElimina